Mostre

Percorsi 'del meraviglioso' in mostra

Come pittore ho svolto un'intensa attività espositiva in Italia e all'estero: un percorso fatto di mostre personali e collettive, di scenografie, dipinti, illustrazioni, carnet de voyage che si trasformano in libri e stimoli a viaggiare e raccontare.
Dopo l'esperienza come scenografo, pittore, creatore di marionette al Teatro dei Sensibili di Guido Ceronetti, a partire dal 1987, negli anni novanta la mia pittura si fa più esplicitamente strumento di percezione di quel 'mondo intermedio' che è fatto 'della stessa sostanza di cui son fatti i sogni'.
Alcune tappe fondamentali:
nel 1990 la rassegna 'Anni Ottanta in Italia' a Sciacca, dove Philippe Daverio fa il punto sulle tendenze artistiche del decennio precedente.
Nel 1992 Giorgio Soavi mi incarica di illustrare l'annuale strenna Olivetti. Nasce così una serie di opere ispirate a temi mozartiani e i bozzetti di una scenografia de "Il Flauto Magico", esposti tra l'altro a Milano e a Madrid.
Nel 2000 illustro Zlatorog, testi di Mario Rigoni Stern e Luigi Rivoira e presento alla Galleria Jannone la mostra De Contrapuncto Triumphi, per la quale vengo segnalato da Giorgio Soavi come migliore artista dell'anno.
Nel 2003 allestisco negli straordinari ambienti della Specola fiorentina la mostra Zoografia Apocrifa, un'antologica dei miei amati bestiari.
La mia doppia vocazione di peintre-savant mi orienta anche verso il carnet di viaggio: nell'autunno 2004 sono in Mali, dove creo un nuovo carnet che vince il primo premio alla Biennale du Carnet de Voyage di Clermont-Ferrand. Nel 2005 il libro è edito in Francia da Gallimard, con la presentazione di Daniel Picouly e in Italia dalla casa editrice EDT, introdotto dal musicista Ali FarkaTourè che ho avuto il privilegio di ascoltare in una straordinaria evocazione dei gimballa (geni) dell'ansa del Niger. Ad essi dedico una serie di ritratti 'immaginali'.
Nel novembre del 2006 sono nuovamente alla Biennale du Carnet de Voyage di Clermont-Ferrand, dove con l'associazione Segni dagli Orizzonti curo Un air d'Italie, esposizione di autori italiani di carnet di viaggio. Negli ultimi anni i miei taccuini sono stati esposti a Londra, New York e Parigi nell'ambito delle mostre The moleskine city notebook experience e in Italia...