S.Faravelli - Shi Tao

Atelier di marionette del Teratino Antigravitazionale, Agosto 2022

teatrino.png

Atelier di marionette del Teratino Antigravitazionale,
III edizione dal 22 al 28 agosto a Bellissimi (entroterra imperiese).
Si è molto meditato , dall’India vedica in poi, sul paragone metafisico tra uomo e marionetta , entrambi appesi ad un filo e agiti, o meglio agitati, su un provvisorio boccascena intessuto di Māyā . Scale diverse ma inesorabili fili.
Eppure devo alla lezione di Guido Ceronetti questa piccola verità da capocomico: “se la marionetta è figura d’uomo, ne accoglie, per forza, anche la relatività della dipendenza dalle forze cosmiche, dal karma, dalla predestinazione e dalla prescienza divina. Nella scarsa misura in cui noi siamo liberi è libera la marionetta: ma con qualche libertà in più ,creata da una adattabilità illimitata e da una superiore, sfrenata possibilità di attingere alle verità paradossali…”
Il nostro Teratino Antigravitazionale accoglie questo insegnamento e lo mette in pratica, affidando alla marionetta il compito di trovare il suo creatore.
Nella settimana di atelier che proponiamo, nella quiete estiva del paradiso di Bellissimi , ciascuno dei partecipanti si lascerà agire , (o meglio agitare), dal piccolo personaggio che le sue mani avranno modellato, dipinto, vestito, insufflato d’anima e voce.
Infine , e a questo serve un capocomico, tutti questi piccoli esseri agiranno in concerto, creando un artificio, uno spettacolo, un gioco di apparizioni.
Perchè lo facciamo? Perchè con le marionette sulla scena regna il buonumore, certo, ma anche perché il Teratino è maestro di quella pedagogia creatrice di cui ci parla Goethe che nel 1753, all'età di quattro anni, in occasione del Natale ricevette in dono dalla nonna paterna un teatrino di burattini .
L’esperienza fu a tal punto travolgente che nel romanzo “La vocazione teatrale di Wilhelm Meister” il medesimo episodio è trasposto come una sorta di iniziazione alla radice di ogni creazione , come un affacciarsi tutt’altro che puerile al mondo infinito dell’Immaginazione.